Il Pianoforte di Gaza

Eh.
Questa è una bella storia da sentire.

L’unico pianoforte a coda sopravvissuto nella striscia di Gaza dopo l’ultima, diciamo così, scaramuccia: vorrebbe essere utilizzato, ora, per aiutare i bambini, attraverso la musica, a superare (mitigare) lo shock da bombardamento.
Ma, come viene spiegato… Parrebbe che per molti la musica sia un “peccato”. Il che rende tutto più difficile.

Andato in onda su BBC Radio4 pochi giorni fa: e io, essendomi collegato agli ultimi secondi, non avevo sentito una mazza.
Bella cosa i podcast.

Submit a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>